Nell’era della “social informazione” per qualcuno il serio giornalismo e la carta stampata sono ancora importanza: parola di Adriano Galliani, a.d. dell’A.C. Monza intervistato in esclusiva dal Corriere dello Sport.

Quest’oggi Il Corriere dello Sport ha fatto informazione intervistando in esclusiva Adriano Galliani, amministratore delegato del Monza, che ha sottolineato come con “l’Emergenza Coronavirus” la salute sia l’assoluta priorità da conseguire, anche perchè una volta superata la fase critica bisognerà guardare in faccia una realtà inevitabilmente modificata. Galliani si è soffermato anche sulla sua antipatia per il mondo social, affidandosi ancora oggi alla carta stampata, ai giornalisti e alla credibilità dei professionisti, e di conseguenza per quanto riguarda il Coronavirus segue le indicazioni della comunità scientifica e dei ricercatori. Parlando di calcio, l’amministratore delegato brianzolo ha ricordato come sia importante il rispetto del regolamento e se non si dovesse completare il campionato di Serie A sarebbe giusto cristallizzare la classifica al momento dell’ultimo turno disputato, come accade ad esempio in Formula Uno. Ha ricordato, inoltre, che il calcio non è solo Ronaldo, Messi e Ibrahimovic, di conseguenza i calciatori, tecnici e direttori sportivi (lavoratori a tempo determinato) di tutte le categorie hanno bisogno di misure di sostegno. Per questo ha fatto i complimenti al presidente di Lega Pro Francesco Ghirelli che ha istituito per primo un comitato di crisi che assicura assistenza ai club mediante una società di revisione.

Siamo sicuri che il “Lodo Galliani” riceverà grande attenzione da parte dei protagonisti del calcio italiano e la nostra redazione vede con simpatia la presa di posizione di Adriano Galliani in merito alla cristallizzazione del campionato e al suo amore per la notizia fatta da giornalisti e scritta sulla carta stampata.

Finiamo l’articolo con una domanda: “Galliani accompagnerà la lettura del quotidiano con il caffè, o no?”

Buon weekend Inviperiti!